Pentecostali nel mondo

Roma, Domenica 13 Giugno 2021 05:24

Without knowing it, we may have escaped death

God is still God and is always goodOften we do not have a sense of God’s acts, we do not understand or see them. A dear friend of mine complained to me about an incident that caused him an abrasion to his finger. "Look, it was almost fractured." My dear friend, maybe your broken finger was a way to stop you, and in so doing avoid you lying in a dark wood coffin tomorrow with relatives parading by saying .. "pity he was a good guy and will be much missed", before closing the lid. Thank God you still have 2 hands and 10 fingers and the finger is not even fractured (you say almost); thank God. I always think that these things are a miracle. From the human point of view, things can happen to us that are good, not so good, and sometimes tragic, with all that so called pain which after all is said and done, could be collected in a teaspoon. But the fact remains that when God opens doors and when He closes them, God is still God and is always good, for His mercy endures forever. By faith, "we now know that all things work together for good of them that love God" (Epistle of Paul to the Romans, chapter 8, verse 28). I know, these things seem foolishness to those who do not believe but God wins men over. And even if you do not believe, if your heart is beating it is by the will of God. Therefore, today, due to this Love and Mercy, you have one more day to accept Him in your heart and get to know God personally.
http://www.youtube.com/watch?v=1uYdyH9t7K4

Our God we serve.

Our God we serveOur God whom we serve, is able to deliver us from the hot fiery furnace" (Daniel 3:17). This passage from the Old Testament tells the story of three young believers who refused to kneel before a statue of gold (".. we will not serve nor worship the golden image"). Thrown into a fiery furnace, they saw the glory of God walking amongst them amidst the fire. This passage reveals a wonderful truth that covers the entire Word of God from the Old to the New Testament, from the creation to the present day. Men of God who firmly believe in Him, and serve Him with all their heart see the glory of God operate powerfully in their own lives and around them. Because we believe, we cannot help but serve Him. This is the god that we serve! Abram believed in the Lord, and the Lord was pleased with him. (Genesis 15: 6); believe in Him and serve Him, speaking with God and seeing His majesty. The same power enjoyed by David, Solomon, Elijah, Elisha, Nehemiah, and many others in the Old Testament; and also by Paul, Peter, James, John, Ananias of Damascus, in the New Testament. All united by believing in and serving God; all of them were first servants of the LORD, and then witnesses of His glory. Too often, we want to reap where we have not sown; and we moan, accusing God of a lack of attention to our problems; and we accumulate bitterness in our hearts, which chills our faith, which makes us deaf to the voice of God and clouds our spiritual vision. "Cast thy bread upon the waters: for after many days thou shalt find it" (Ecclesiastes 11: 1). Lord, increase our faith! Serve our God and we will see him at work in our lives, in our homes, in our families, all around us, at work, on the landing of our home. We are called upon to carry forth the good medicine of Christ, justification and salvation by grace. Nowdays, everyone runs to the pharmacy to cure everything; and after being cured we realise that there is another illness and run back to the pharmacy. Glory to God because Christ is the good medicine for all the ills of man and those who drink of the water and eat the bread of life that He gives us, shall never have hunger nor thirst. To God be the glory!

The eternal thoughts of God

The eternal thoughts of God So then faith cometh by hearing, and hearing by the Word of  God” (Romans, 10:17). “And the Word was made flesh, and dwelt among us, (and we beheld his glory, the glory as of the only begotten of the Father) full of grace and truth” (St. John, 1:14). As if redeemed in the price of blood, we were justified in Christ, adopted, "that we might receive the promise of the Spirit through faith" (Galatians 3:14). The Bible is the source of The Word of God. With a value "exhaustive" to mankind because it deals with every aspect of creation, history, the present, the plan for salvation and the final judgment. The Word of God represents the eternal thoughts of God and His deep love he himself shared with mankind. Going closer to God in faith, with the guidance of the Holy Spirit, through the Word of God, we can envision eternity and learn the meaning of the dealings of God. We neglect the reading of the Bible, we neglect prayer, neglect to take care of our intimate communion with God, neglect to avidly seek the baptism of the Holy Spirit; ever, justifying ourselves as being busy with the little things to do. ... but do we really believe in His imminent return? So, prepare yourself spiritually, distance yourself from any form of the contamination of worldliness, seek "holiness, without which no man shall see the Lord" (Hebrews, 12:14). Let us forget our vain reasoning: God do this, God do that, why doesn’t God intervene, there is wickedness, there are wars and hunger in the world ... this is because we do not have "confidence" in the Word and we have not attained an understanding of the dealings of God, the sense of heavenly eternity; we cast our eyes down while we should be looking at God on High and have faith through His Word.


Ritorno a casa. In ricordo del fr. Francesco Toppi

Francesco Toppi"Io ho chiesta una cosa al Signore, quella procaccerò: che io dimori nella Casa del Signore tutti i giorni della mia vita, per mirare la bellezza del Signore, e visitare il suo Tempio" (Salmo XXVII). Giovedì 14 agosto, il caro fratello Francesco Toppi - già pastore e presidente delle Chiese Cristiane Evangeliche Pentecostali Assemblee di Dio in Italia - è stato richiamato alla Casa del Padre. Siamo grati a Dio (e soltanto a Dio va ogni lode e ringraziamento) per come ha usato questo suo figliuolo, esempio, per quanti lo hanno conosciuto, di fedeltà, costanza ed attaccamento alla Parola di Dio. Umanamente, siamo addolorati perchè amavamo questo ambasciatore di Cristo e perchè un altro grande servo dell'Eterno ci lascia. Spiritualmente, ringraziamo Dio della Sua infinita ed eterna misericordia. Il tesoro di un uomo, la casa di uomo, è laddove riposa il suo cuore; orbene, il cuore del nostro fratello in Cristo, era presso il Padre; e, dunque, è un ritorno a casa. Molti dovrebbero riflettere sul fatto che questo mondo non è la nostra casa e questo tempo della vita che il Signore ci concede è l'opportunità unica che abbiamo per conquistare il regno dei cieli e la salvezza in Cristo per la vita eterna. "Io ho combattuto il buon combattimento, io ho finito il corso, io ho serbata la fede. Nel rimanente, mi è riposta la corona della giustizia, della quale mi farà in quel giorno retribuzione il Signore, il giusto Giudice" (II° Timoteo, 4:7). Possa Dio suscitare altri uomini altrettanto benedetti, coraggiosi e ripieni di Spirito Santo, altre voci che gridano nel deserto di questo mondo "Acconciate la via del Signore, addirizzate i suoi sentieri".

La vedetta – Il guardiano – La sentinella. Questioni di vita eterna. La Salvezza dell’anima.

Ritorniamo all'Evangelo apostolicoLa nostra vocazione, la nostra chiamata ha un obiettivo preciso ed un effetto conseguente. Accettare Cristo, mediante la nuova nascita, camminare secondo "la Via" indicata dal Maestro e dalla Parola di Dio (Bibbia). Per l'effetto, essere di benedizione per gli altri attraverso la testimonianza dell'Evangelo, affinché nuove anime possano abbracciare Cristo. Non è compito nostro salvare le persone; ma è nostro dovere di cristiani indicare Cristo il Salvatore. Nel cuore della teologia cattolico romana vi sono molte eresie, tra cui quella che ha portato un uomo al vertice di un consenso religioso. Ma la tradizione umana NON può superare e modificare la Parola di Dio e l'Evangelo della Grazia. E sulla Bibbia non ci può essere nessuna trattativa, nessuno scostamento, nessun accordo, nessuna umana intesa. L'essenza dell'amore cristiano è l'ubbidienza: "Chi ha i miei comandamenti e li osserva, quello mi ama; e chi mi ama sarà amato dal Padre mio.." (Giovanni, 14:21). L'ubbidienza che porta alla "santificazione senza la quale nessuno vedrà il Signore" (Ebrei, 12:14). “Chi dice: io l’ho conosciuto, e non osserva i suoi comandamenti, è bugiardo, e la verità non è nel tale. Ma chi osserva la sua parola, l’amore di Dio è veramente compiuto nel tale; per questo conosciamo che noi siamo in lui. Chi dice di dimorare in Lui, deve, come Egli camminò, camminare egli ancora simigliantemente” (Prima Epistola di Giovanni, 2: 4-6)… “questo è l’amore di Dio, che noi osserviamo i suoi comandamenti” (5:3). Tanto che lo stesso apostolo Paolo mette in guardia i credenti dalle false dottrine degli uomini vendute come vangelo: "Ma anche se noi o un angelo dal cielo vi annunziasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo annunziato, sia anatema" (Galati, 1:8). E' allora nostro dovere in Cristo essere sentinelle ed invitare ogni appartenente alla chiesa cattolico-romana - dal suo vertice all'ultimo cattolico - ad un ritorno all'Evangelo apostolico, senza il quale non vi è cristiano e non vi è salvezza. Il nostro posto è ai piedi della Croce, al centro della volontà di Dio, né a destra, né a sinistra.

La nostra testimonianza, il nostro invito, la nostra costanza e perseveranza nell’annunciare Cristo e l’Evangelo adempiono la missione della vedetta (Ezechiele, cap. 33).

“… io ti ho costituito vedetta alla casa di Israele; ascolta dunque la parola della mia bocca, ed ammoniscili da parte mia. Quando io avrò detto all’empio: empio, di certo tu morrai; e tu non avrai parlato, per ammonire l’empio che si ritragga dalla sua via, esso empio morrà per la sua iniquità; ma io ridomanderò il suo sangue dalla tua mano. Ma se tu ammonisci l’empio ch’egli si converta dalla sua via, ed egli non se ne converte, egli morrà per la sua iniquità; ma tu avrai scampata l’anima tua” (Ezechiele, cap. 33, versi 7-9).

Un giorno, tutti saremo davanti al Trono della Grazia e ciascuno sarà giudicato per raccogliere ciò che avrà seminato in vita. Niente tempi supplementari, nienti recuperi, niente intercessioni. In quell'ora, ci presenteremo come Suoi figliuoli degni dell'Evangelo o ci presenteremo come pezzenti che non hanno voluto accettare il dono della grazia in Cristo?

Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli; ma chi fa la volontà del Padre mio, che è nei cieli. Molti mi diranno in quel giorno: Signore, Signore, non abbiamo noi profetizzato in nome tuo, e in nome tuo cacciati i demoni, e fatte in nome tuo, molte potenti operazioni? Ma io allora protesterò loro: Io non vi conobbi giammai; dipartitevi da me, voi tutti operatori d’iniquità” (Matteo, 7:21-23).  

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Parola di Dio

Hai una domanda sulla Parola di Dio o sulla vita cristiana? Scrivici

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

EventiPer incontri di evangelizzazione, preghiera, studi biblici, scrivi alla nostra redazione.

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

TestimonianzeVuoi raccontare in breve la Tua testimonianza? Inviala alla nostra redazione, che dopo averla selezionata, se la riterrà di edificazione la pubblicherà sul sito alla sezione “testimonianze” (le grandi opere che il Signore compie) This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Donazioni

Donazioni per questo progetto

AREA RISERVATA